Blog Post

Cosa sono i pavimenti autobloccanti

I pavimenti autobloccanti sono realizzati con masselli di calcestruzzo posato a secco, e nell’arco degli ultimi quarant’anni è stato uno dei pavimenti più impiegati nelle realizzazioni di pavimentazioni esterne.

Si possono trovare pavimenti in masselli autobloccanti nelle realizzazioni di arredo urbano, quindi spazi pedonali e marciapiedi. Nell’edilizia residenziale sono impiegati come pavimenti carrabili per l’accesso degli automezzi e per la pavimentazione dei vialetti di accesso. Troviamo pavimenti autobloccanti anche nei parcheggi dei centri commerciali, o nei piazzali di aziende industriali e commerciali.Le diverse tipologie dei masselli autobloccanti e i colori della superficie consentono di ottenere pavimenti esterni di grande effetto estetico e decorativo.

Indice:

 

Quali sono le caratteristiche di un pavimento autobloccante?

I pavimenti autobloccanti devono il loro successo alla semplicità della posa, all’alta resistenza alla compressione e all’estetica.
La semplicità della posa ha permesso di contenere i costi della manodopera, influendo anche sul prezzo finale del pavimento autobloccante.

L’alta resistenza alla compressione del massello si deve al calcestruzzo vibrocompresso, il materiale con cui sono realizzati.
Si possono così realizzare pavimenti destinati esclusivamente a transiti pedonali con masselli con spessore di 4 centimetri, pavimenti per esterni carrabili con uno spessore del massello di almeno 6 centimetri destinati al transito delle autovetture, fino ad arrivare a masselli aventi lo spessore di 8 centimetri e ottenere una portata pavimento autobloccante che regge il transito di camion e mezzi commerciali.

Ci sono anche masselli per pavimenti autobloccanti con uno spessore di 12 centimetri con cui sono realizzati piazzali d’industrie sottoposte a un traffico estremamente pesante, o transitati da mezzi eccezionali.

La posa a secco consente un ottimo drenaggio delle acque meteoriche e, se il sottofondo è realizzato con le adeguate pendenze, non si formano ristagni d’acqua superficiali o pozzanghere quando il pavimento è bagnato. D’inverno, quando le temperature scendono sotto i 0°C, gli autobloccanti drenanti, grazie anche alla superficie porosa e giuste pendenze che impediscono la formazione di ristagni superficiali, non risentono degli effetti negativi dei cicli di gelo e disgelo, che invece provocano danni nei piazzali realizzati in calcestruzzo.

La porosità superficiale del massello autobloccante consente anche un elevato effetto antisdrucciolo del pavimento autobloccante quando piove o la superficie è bagnata, tutto a vantaggio della sicurezza dei pedoni che vi transitano.
Un’ulteriore caratteristica dei pavimenti autobloccanti è la facilità con cui si possono rimuovere i singoli masselli, riposizionandoli altrettanto facilmente in un momento successivo.

Questo è particolarmente utile quando si devono eseguire dei lavori nel sottosuolo, come la riparazione di un tubo interrato. Il pavimento alla fine dei lavori è ripristinato correttamente, senza che si noti l’area rimossa.
Il pavimento realizzato con masselli autobloccanti non richiede manutenzioni particolari, e per pulire il pavimento basta usare una scopa.

Come avviene la posa dei pavimenti autobloccanti.


I pavimenti autobloccanti si posano a secco, senza bisogno di collanti o malte cementizie. Particolare attenzione deve essere riposta nell’esecuzione del sottofondo.
Un sottofondo correttamente eseguito aumenta la vita utile del pavimento e riduce gli interventi di manutenzione nel corso degli anni.

La massicciata di sottofondo dovrà essere ben compattata in funzione dei carichi previsti. Una cura particolare della compattazione andrà posta in corrispondenza di chiusini e caditoie, e alle zone in cui sono state posate tubazioni interrate. Nella realizzazione della massicciata di sottofondo si dovranno riportare le pendenze per il deflusso delle acque, con pendenze minime dell’1,5%.
Se il pavimento sarà transitato da mezzi pesanti il sottofondo può essere costituito da uno strato di calcestruzzo di spessore adeguato.

Sulla massicciata di sottofondo, prima della posa dello strato di allettamento, è sempre consigliabile stendere un tessuto non tessuto che separi la massicciata dallo strato di allettamento. In caso di pioggia il geotessuto impedirà alle parti fini di percolare nella massicciata, mantenendo lo strato di posa più uniforme nel tempo.
Lo strato di allettamento si ottiene con sabbia umida, e gli spessori possono variare da un minimo di 3 centimetri nel caso di posa su massicciata di sottofondo a 6 centimetri nel caso di posa su sottofondo di calcestruzzo.

E’ importante che la sabbia sia umida ma non bagnata, impedendo così un effetto pompaggio che svuoterà i giunti tra i masselli. Bisogna quindi tenere conto nel calcolare lo spessore dello strato di allettamento, e quindi anche la quota del pavimento finito, di un calo della sabbia formante lo strato d’allettamento intorno al 20 – 30 percento.
La sabbia dello strato di allettamento viene quindi staggiata per offrire un piano di posa uniforme, seguendo le pendenze già ricavate nella realizzazione del sottofondo.
In nessun caso si dovranno eseguire pendenze con lo strato di allettamento.

I masselli sono quindi posati accostandoli tra loro. I singoli masselli normalmente sono dotati di distanziatori laterali che facilitano l’ottenimento della distanza ottimale tra i singoli masselli. Nel caso questi distanziatori non fossero presenti, è importante mantenere una distanza massima di 3 millimetri tra i singoli masselli.Una volta posato il pavimento s’intasano i giunti tra i masselli con sabbia naturale asciutta.Sulla superficie si passa quindi una piastra vibrante che ha la funzione di allettare i masselli nello strato di allettamento e contemporaneamente assestare la sabbia d’intasamento. La piastra dovrà essere passata almeno 2/3 volte sul pavimento per ottenere una compattazione uniforme. Al termine della vibrocompattazione del pavimento si esegue l’intasamento finale, che dovrà avvenire in modo uniforme, lasciando uno strato di sabbia superficiale sul pavimento.
Questo strato dovrà essere lasciato sul pavimento il più a lungo possibile, per consentire un corretto intasamento del pavimento sottoposto ai carichi previsti.
Nei primi mesi ci si dovrà accertare che l’intasamento dei giunti tra i masselli sia uniforme, intervenendo con successive aspersioni di sabbia quando si riscontrano dei cali in certi punti.

Autobloccanti pro e contro

Come in tutti i pavimenti, anche per gli autobloccanti vi sono pro e contro. I pavimenti autobloccanti hanno il vantaggio di poter essere personalizzati, accostando forme e colori diversi. Si possono transitare subito dopo la fine dei lavori di posa, senza dover aspettare tempi tecnici di asciugatura o stagionatura. Si possono impiegare in ambito residenziale, industriale o pubblico e richiedono bassi costi di manutenzione.

Gli svantaggi di questi pavimenti si possono riscontrare nella formazione, tra le giunture, di vegetazione spontanea o muschi nelle parti meno esposte al sole.Nel caso avvenisse un assestamento della massicciata di sottofondo, avverranno degli avvallamenti superficiali nella pavimentazione. Se il sottofondo non è stato correttamente eseguito, non essendo pavimentazioni autoportanti, in corrispondenza di zone in cui si svolgono manovre con automezzi che richiedono frequenti sterzate, si potranno avere dei dissesti tra i singoli elementi.

In conclusione la maggior parte degli svantaggi dei pavimenti autobloccanti non è da ascrivere al materiale, ma all’insufficiente preparazione del sottofondo.

Quanto durano i pavimenti autobloccanti?

I pavimenti autobloccanti hanno una lunga durata nel tempo a condizione che la preparazione e la posa siano state correttamente eseguite.
Una posa corretta prevede che il pavimento sia bloccato perimetralmente con cordoli, così da garantire il bloccaggio degli elementi.

Pavimenti autobloccanti, quando vengono utilizzati?


I pavimenti autobloccanti sono un tipo di pavimentazione estremamente poliedrica.

S’impiega nei pavimenti esterni in diversi contesti edili, e diverse condizioni di traffico. In ambito residenziale i masselli autobloccanti sono impiegati nella realizzazione di cortili, vialetti di accesso, corselli di box per autovetture. Nell’edilizia industriale con i pavimenti autobloccanti si realizzano piazzali di manovra e aree di stoccaggio esterne delle aziende.In ambito pubblico sono il pavimento ideale per gli interventi di arredo urbano.

Troviamo molte realizzazioni di piazze, marciapiedi e piste ciclabili.In altre parole i pavimenti autobloccanti sono usati in diverse situazioni in cui si richiede un pavimento ordinato, carrabile e on costi contenuti, offrendo diverse soluzioni alle più svariate esigenze.

Related Posts

4cf3120a-04aa-4fc0-a2ce-881a742b8c34[1]
Diverse tipologie di isolanti termici

Indice: Classificazione degli isolanti termici Isolanti organici naturali Dal punto di vista chimico i materiali isolanti si distinguono, a

Vantaggi costruzioni a secco
Edilizia a secco, quali sono i vantaggi?

Cosa vuol dire edilizia a secco? Con il termine edilizia a secco ci si riferisce

Importanza isolamento acustico
Perché l’isolamento acustico è importante?

Quello dell’isolamento acustico è un problema che molte persone vivono quotidianamente nelle proprie abitazioni. Il patrimonio

Quanto costa rifare un pavimento
Quanto costa rifare un pavimento?

lasostituzione del pavimento, così come quella dei rivestimenti a parete è da considerarsi un lavoro

Pannelli isolamento per tetto
Messa in sicurezza dallo sfondellamento del solaio

Messa in sicurezza dallo sfondellamento del solaio Che cos’è lo sfondellamento La gran parte dei solai

Quanto costa rifare un pavimento
Come scegliere il pavimento per casa

indice: Fattori da valutare Le opzioni per il pavimento di casa Il parquet Gres porcellanato Cotto Pavimento in laminato Scegliere il

4cf3120a-04aa-4fc0-a2ce-881a742b8c34[1]
Come abbattere i costi con l’isolamento termico

Indice: cappotto termico, lo spessore adeguato cappotto termico: il materiale da utilizzare L’Enea, nel Rapporto annuale sugli

Isolamento da muffa controparete in cartongesso
Isolamento acustico, quali sono i migliori materiali da utilizzare?

Indice: materiali porosi materiali acustici materiali vibranti materiali misti materiali fonoassorbenti, quali sono i migliori e quanto costano? schiuma melamminica lana

4cf3120a-04aa-4fc0-a2ce-881a742b8c34[1]
Utilizzare il controsoffitto come isolante

Indice: Come isolare un soffitto all’ultimo piano Isolare il soffitto con il polistirolo: cosa significa? Come coibentare

Isolamento a cappotto esterno
Conviene ristrutturare casa?

Indice: Tre buoni motivi per ristrutturare casa Conviene comprare casa nuova o da ristrutturare? Suggerimenti su come

Isolamento acustico stanza interna
Come coibentare casa

Indice: Si possono isolare le pareti con il fai da te? Coibentare il tetto con il

pareti vetrate interne per case
Come dividere al meglio gli spazi utilizzando le pareti divisorie in vetro

Indice: Utilizzo delle pareti vetrate in casa Dividere gli spazi di un ufficio con le pareti

Parete divisoria in cartongesso
Muratura o cartongesso per le pareti di casa?

Prima di ergere nuove pareti all’interno della propria abitazione, ci si trova spesso a

pavimento per esterni
Quali sono i pavimenti facili da pulire

Indice: Pavimenti facili da pulire: come scegliere le piastrelle Pavimenti facili da pulire: il gres porcellanato Pavimenti

Isolamento a cappotto esterno
Quando è meglio ristrutturare casa?

Quando ristrutturare casa? La ristrutturazione di un appartamento richiede tempo ed è un’attività spesso

controsoffitto in cartongesso con illuminazione
Quali sono le diverse tipologie di controsoffitto?

I controsoffitti, ovvero quelle strutture costituite da elementi modulari leggeri atti a fornire isolamento termo

Detrazioni fiscali ristrutturazione 2019
Cosa vuol dire ristrutturazioni chiavi in mano?

Quando si decide di affrontare una ristrutturazione edilizia, che sia un’abitazione o un negozio,

Isolamento a cappotto esterno
Quali sono i pro e i contro dell’isolamento a cappotto termico?

Tra le varie tecniche utilizzate per effettuare un adeguato intervento di isolamento termico la

isolamento-acustico-pavimento
Pro e contro di un pavimento galleggiante

Si definiscono pavimenti flottanti o pavimenti galleggianti, e sono una delle soluzioni più moderne per pavimentare gli esterni,

appendere alla parete in cartongesso
Che cos’è la CILA

Che cos’è la CILA Cila è l’acronimo di Comunicazione Inizio Lavori Asseverata, una comunicazione amministrativa del 2010 con la legge

ristrutturare-casa-938x625[1]
Come eseguire una ristrutturazione in condominio

Se pensi di ristrutturare un appartamento in condominio ricordati che ci sono degli adempimenti

Controsoffitto in cartongesso
Quali sono i vantaggi di un controsoffitto in cartongesso?

Il controsoffitto in cartongesso è una delle applicazioni più diffuse nella ristrutturazione di ambienti

contropareti cartongesso 04
Quali sono i vantaggi dell’isolamento termico?

Nella maggior parte degli edifici le strutture verticali opache che li delimitano sono, quantitativamente,

Utilizzo del cartongesso in bagno, quali sono i pro
Cartongesso per il bagno, quali sono i pro

Avete voglia di cambiare l’estetica del vostro bagno ma non volete trovarvi fra polvere

ristrutturare-casa-938x625[1]
Quanto costa ristrutturare una casa?

Quanto costa ristrutturare casa propria? Sono molti coloro che in determinate occasioni o particolari situazioni

Parete divisoria in cartongesso
Pareti divisorie, cosa sono e come sceglierle?

Innanzitutto, che cos’è una parete divisoria interna? La definizione è intuitiva, si tratta spesso di

parete attrezzata in cartongesso
5 idee per rivestire le pareti di casa

Rivestimenti per pareti interne Selezionare il giusto rivestimento per pareti interne è un’operazione fondamentale per

pavimenti per esterni antigelo
Pavimenti esterni antigelo, quando utilizzarli?

Le superfici esterne, che siano essere carrabili o calpestabili durante la stagione invernale sono

Detrazioni fiscali ristrutturazione 2019
Quali sono le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni nel 2019?

Anche per il prossimo anno si potrà usufruire del bonus ristrutturazione per i lavori

Isolamento da muffa controparete in cartongesso
Risolvere il problema della muffa con una controparete in cartongesso

Quando in una casa, un appartamento o comunque un edificio, si presenta il fenomeno

Riscaldamento a pavimento
Quali sono i vantaggi di un pavimento radiante?

Indice: Cos’è e come funziona un pavimento radiante? I vantaggi del riscaldamento a pavimento Come ottimizzare il

Quando imbiancare casa
Quando è meglio imbiancare casa?

Indice: Qual è il periodo migliore per imbiancare? Ogni quanto è meglio imbiancare? Quanto tempo ci vuole

controsoffitto in cartongesso con illuminazione
Quali sono i vantaggi di un controsoffitto in cartongesso ?

Il cartongesso è un materiale composto principalmente da gesso e cartone, che si presta

operazioni di manutenzione ordinaria
Manutenzione ordinaria e straordinaria, quali sono le differenze?

Manutenzione e ristrutturazione ordinaria o straordinaria: quali sono le differenze.  Gli appartamenti, le case monofamigliari,

smaltimento dei rifiuti in cartongesso
Cartongesso, come smaltirlo?

Il cartongesso, insieme ad altri rifiuti come la guaina bituminosa, i calcinacci, la lana

Ecobonus 2018 per ristrutturazioni
Detrazioni per ristrutturazione con risparmio energetico

Con la legge di Bilancio 2018 (legge 27/12/2017, n. 205) sono state integrate ed

pavimento sopraelevato per interni
Cosa sono i pavimenti sopraelevati?

I pavimenti galleggianti cosa sono? Pavimenti galleggianti o sopraelevati: cosa sono e a cosa servono?

muro in cartongesso rotto
Il cartongesso è pericoloso?

Il cartongesso è nocivo oppure si tratta di una semplice teoria che non ha

pavimento per esterni
Pavimenti per esterni, come scegliere quello giusto?

Ogni sezione o stanza della tua casa ha bisogno di una pavimentazione e gli

Parte in cartongesso resistente al fuoco REI 120
Classificazione della resistenza al fuoco delle strutture e dei materiali

L’esperienza nel settore edile, nella lavorazione e nel montaggio delle contro-soffittature in cartongesso, ovvero,

Normativa-antincendio-autorimessa
Prevenzione incendi nelle autorimesse e compartimentazione antincendio

La sicurezza sul luogo di lavoro rappresenta un elemento che non deve mai essere

Detrazioni fiscali per una ristrutturazione
Incentivi e bonus disponibili nel 2018 per la ristrutturazione di casa

Indice: Quali sono gli incentivi per la ristrutturazione della casa? Le detrazioni fiscali: cosa sono e

Isolamento acustico stanza interna
Norme per l’acustica edilizia, quali requisiti devono avere gli edifici?

Quali sono le norme per l’isolamento acustico degli edifici? Godere di un adeguato isolamento acustico

cosa sono le pareti mobili
Cosa sono le pareti mobili

La parete che si veste di nuovo Cosa sono le pareti mobili e quando servono? Abitare

contropareti cartongesso 01
compartimentazione con pannelli cartongesso REI 120

In caso di incendio è importante controllare la propagazione delle fiamme e del fumo

isolamento-o-assorbimento-acustico
Isolamento acustico o assorbimento acustico: due tecniche a confronto

Tecniche a confronto: isolamento o assorbimento acustico Le tecniche isolamento o assorbimento acustico che si possono

isolamento-acustico-pavimento
Isolamento acustico a pavimento

Per l’isolamento acustico a pavimento è fondamentale capire che il rumore trasmesso ad una

Share via
Copy link
Powered by Social Snap